Tracia

Storica regione greca e non solo, la Tracia è il territorio più orientale della Grecia, ed è la porta d'accesso alla Turchia e alla Bulgaria. In questa zona il turismo è principalmente greco o proveniente dall'Europa Orientale.

La Tracia continentale è una lunga striscia di pianura costiera lungo il Mar Egeo, parte del Mare Egeo settentrionale. A ovest la terra si eleva a nord verso i selvaggi monti Rodopi che formano una frontiera naturale con la Bulgaria meridionale. A est la valle del fiume Evros scende dai confini tra Bulgaria, Turchia e Grecia, verso sud attraverso estesi terreni agricoli fino all'ampio delta sulla costa, a ovest della penisola di Gallipoli e dei Dardanelli.

C'è poco turismo nella regione, e la maggior parte dei Traci si guadagnano da vivere con l'agricoltura. Ci sono solo sei città, il porto e il centro dei trasporti di Alexandroupoli sono di gran lunga i più trafficati. Molti villaggi sono piuttosto isolati, mentre altri, in particolare lungo le strade principali e lungo la valle dell'Evros, sono ben collegati alle città.

Non ci sono vivaci città, spiagge idilliache, paesaggi mozzafiato, siti storici spettacolari, monumenti o musei (il principale museo archeologico è a Komotini). Tuttavia, la vita è relativamente rilassata, la gente è amichevole e il mix etnico di greci, turchi e pomacchi, specialmente nei villaggi, è quasi unico nei Balcani. Molte tradizioni locali, ad esempio musica e danza, sopravvivono ancora e possono essere vissute appieno nei giorni di festa e alle fiere locali.

Cosa vedere nella regione della Tracia

I visitatori della regione della Macedonia orientale e della Tracia troveranno difficile scegliere alcuni siti archeologici specifici, poiché le rovine risalenti a tutti i periodi storici e quelle preistoriche sono sparse in tutta la regione.

Il sito preistorico di Sitagroi e la grotta di Aggitis (o Maaras) nella piana di Drama, la località nota come Dikili Tash (Orthopetra) vicino Filippoi (Kavala), la tomba preistorica di Paradimi, la grotta di Maroneia e le grotte di In-Dere gola a Strymi (Rodopi), la tomba preistorica e la grotta di Makri a Evros, l'acropoli preistorica di Aghios Georgios Maroneias, Ergani (vicino a Xylagani, Rodopi) e Aghios Georgios a Petrota e il cimitero preistorico con il santuario a cielo aperto con pitture murali sulle rocce vicino al villaggio di Roussa (Evros), sono alcuni dei siti più importanti in cui sono state scoperte tracce di insediamenti risalenti al periodo neolitico, alla tarda età del rame e all'inizio dell'era del ferro.

Per gli amanti della natura e gli escursionisti ci sono vaste aree selvagge, boscose, colline e montagne con molte specie di uccelli e animali, così come la riserva naturale del Parco Nazionale del Delta dell'Evros.